Protagonisti Under subbuteo: VALERIO BILUCAGLIA

Benvenuti amici che ci seguite ogni giovedì! Oggi ripartono le interviste ai nostri protagonisti under.

Siamo andati a Trieste a conoscere Valerio Bilucaglia, giovane promessa del club ASD Cral Trieste Trasporti Triestina Subbuteo.

Ciao Valerio, intanto mi fa piacere farti conoscere anche dai tanti subbuteisti, agonisti e non, che seguono il nostro blog. Ci sono tanti ragazzi che potrebbero essere coinvolti e che giocano a casa, ma che vedendo che ce ne sono altrettanti che giocano in modo organizzato potrebbero prendere coraggio e bussare al club più vicino a loro che trovano sulla pagina FISCT e Lega Nazionale Subbuteo!

Veniamo a noi!

1) Chi è Valerio oltre al subbuteo. Che scuola frequenti e quali altri interessi hai?
Frequento la 1 media presso la scuola inglese “European School of Trieste”. Gioco a calcio a livello agonistico che mi impegna già’ tutta la settimana tra allenamenti e partite. Da quest’anno ho iniziato a prendere lezioni di  break dance e gioco a tennis. Mi piace molto anche la montagna e in estate vado a fare arrampicate e in inverno adoro sciare. Ho anche una grande passione per i videogiochi in particolare per Fortnite.

2) Come hai scoperto il subbuteo e come è esplosa questa passione?
È stato mio padre a trasmettermi questa passione. Non giocava da tanti anni e quando ho compiuto 9 anni ha tirato fuori le vecchie squadre e così è cominciato tutto. Diciamola tutta… si è fatto prendere la mano (ormai gli è tornata la passione più di quando era un bambino) e si è costruito uno stadio di subbuteo vero e proprio con tanto di cori e fumogeni e devo dire che è bellissimo!

3) Il subbuteo è visto da tanti come un gioco mentre altri lo identificano come un vero sport. Tu dove ti posizioni? Sei più amatore o agonista?
Ne parlo spesso con mio papà di questo argomento: penso che se il ping pong (tennis-tavolo n.d.r.) si gioca alle olimpiadi perché’ no il subbuteo? Ogni tanto guardo delle partite su YouTube e vedere qualche torneo in diretta tv sarebbe bellissimo e invoglierebbe i ragazzi a giocare. Quando gioco divento molto serio: cerco di concentrarmi per tutta la partita (credetemi non è facile) e perdere mi dà molto fastidio. Quando succede con i ragazzi più bravi lo accetto! mi considero più un agonista, ma alla base di tutto rimane il divertimento. 

4) La vittoria che ti ha esaltato di più e la sconfitta che proprio non ti va giù?
Sicuramente la vittoria con Angelo Bisio al Major (torneo internazionale n.d.r.) di Milano: la partita precedente avevo perso nettamente contro Francesco Manfredelli. Ero molto giù di morale ma poi ho trovato la forza per allenarmi con la zia che mi aveva accompagnato e ho vinto contro Bisio. Peccato che ho dovuto abbandonare il torneo perché altrimenti perdevo il treno. La sconfitta che mi ricordo con più dispiacere è quella contro Landi al Major di Bologna : ho attaccato tutta la partita e ho preso un gol nel finale. Peccato la vittoria mi avrebbe portato in semifinale.

5) Ti alleni al club di Trieste. Riesci a coinvolgere altri amici tuoi coetanei? Se no, dove sbagliamo, secondo te, nella proposta del gioco ai più
giovani?
Mi alleno con la mia squadra la “ASD Cral Trieste Trasporti Triestina Subbuteo“: assieme ai miei compagni della squadra under Alberto, Matteo, Andrea e tanti altri ancora. Quando vengono i miei amici di scuola a casa e provano a giocare vedono che è difficile, finiamo davanti alla Play Station. Ringrazio anche tanti adulti compagni di squadra che mi insegnano tante cose come Gianluca e Gianfranco. Con loro perdo sempre, ma ogni partita imparo qualcosa. Con mio padre ci gioco ogni tanto, ma spesso litighiamo e interrompiamo la partita (ma vinco quasi sempre io, ah ah). Proposte per i giovani come me? Da amante dei videogiochi suggerirei di non fare  la guerra alla Play Station: si possono fare anche entrambe le cose. Sicuramente la mia generazione preferisce la Play Station, ma il Subbuteo ha il suo fascino e per uno che adora il calcio come me rimane il gioco che lo ricorda di più in assoluto. Andare a fare delle dimostrazioni nelle scuole calcio può essere una soluzione: mio padre ne aveva organizzata una presso la sede della mia squadra ed ha funzionato.  

6) Il tuo sogno nel cassetto subbuteistico?
Sicuramente essere convocato in nazionale e vincere un trofeo a squadre. Vedere sventolare la bandiera italiana più alta delle altre e sentire l’inno deve essere emozionante. Ne parlo spesso con il mio caro amico Mattia Trevisani, lui ci ha giocato e mi dice che è così. Spero che il sogno si avveri un giorno, ma devo allenarmi tanto per raggiungere questo traguardo. 

7) Cosa non ti ho chiesto che avresti voluto ti chiedessi e cosa avresti risposto? 
Come è stata l’esperienza al torneo on line al quale ho partecipato?
Mi sono divertito tantissimo e spero che passi presto questa emergenza e si possa tornare a giocare. Mi piacerebbe rifarlo se verrà organizzato nuovamente.

Grazie Valerio per aver condiviso con noi la tua passione. Siamo certi che avrai un grande futuro come giocatore e come uomo! Ti continueremo a seguire sui campi di subbuteo tifando sempre per te come per tutti gli under subbuteisiti!!

Ci vediamo domenica al torneo organizzato da Subbuteoland al quale ti ho visto iscritto!


Inizia anche tu a giocare a subbuteo! Le migliori offerte di scatole complete per partire!!

Scatola completa zeugo con 2 squadre, 2 porte, 1 campo di gioco
Scatola completa zeugo
scatola subbuteo champions league

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: